Danubio_Pappaececi

Una merenda alternativa? Ci pensa il Danubio!

Sapevo che quel giorno sarebbe arrivato. Quello dell’invito a casa degli amichetti del nido di mio figlio Francesco per – udite udite! – la merenda.

Lo confesso: la cosa mi ha messo addosso un’ansia da prestazione non indifferente. Mi andava di fare le cose per bene, di fare bella figura – soprattutto con le mamme! – e che i bambini potessero divertirsi mangiando una merenda diversa dalle solite.

Al bando dunque patatine e biscotti confezionati, ho cercato un modo originale per intrattenere – culinariamente parlando – sia grandi che piccoli perché – e questo è il bello – alle merende casalinghe i genitori non vanno via una volta accompagnati i figli ma restano per una chiacchiera e (soprattutto!) per supportare una madre che, dopo una giornata di lavoro, si trova a casa quattro bambini di neanche due anni, il pavimento del salotto pieno di costruzioni e giochi di ogni tipo e tre bambini su quattro che si contendono la stessa macchinina, per di più rotta [archiviare in “storie di vita vissuta appassionatamente”].

Mentre cercavo una ricetta sana, gustosa ma che fosse anche facile, mi è venuto in mente lui: il Danubio.

Chi non è napoletano forse non avrà mai sentito parlare di questa particolare brioche rustica ripiena di formaggio e salumi che non si taglia a fette ma che si stacca a pezzi (a “pizzichi”) con le mani (che poi è la cosa che ha divertito di più i bambini..).

Ecco la ricetta di questa speciale merenda. Io ho preparato una versione vegetariana e ho sostituito prosciutto e salame con verdure a tocchetti.

 

Buon appetito (e buon aperitivo a voi mamme!).

 

La lista degli ingredienti:

 

Per l’impasto

Farina manitoba 550 gr

Latte 250 gr

Olio extravergine d’oliva 50 ml

Miele 50 ml

Lievito di birra disidratato 4 gr

Uovo  1

Per il ripieno

Formaggio tagliato a cubetti 100 gr

Zucchina 1 piccola

Melanzana 1 piccola

olio extravergine d’oliva q.b. per stufare in padella le verdure

Per spennellare

Uovo 1

Prendete una ciotolina in cui scioglierete il lievito nel latte tiepido.

In un’altra ciotola più grande versate la farina precedentemente setacciata, l’uovo, il latte in cui avete sciolto il lievito e il miele. Mescolate con l’aiuto di un frullino o una forchetta e aggiungete, per ultimo, l’olio. Continuate a impastare con le mani nella ciotola o su un ripiano infarinato e quando avrete ottenuto l’impasto morbido dategli una forma sferica.

Riponetelo in una ulteriore ciotola che sia capiente dato che, passato il tempo necessario, l’impasto raddoppierà di volume, copritelo con uno strofinaccio e fatelo lievitare in forno con la luce accesa per due ore.

Intanto tagliate a cubetti il formaggio (io ho usato dell’asiago) e stufate in padella con un filo d’olio e un po’ acqua le verdure che dovranno comunque rimanere croccanti.

Passate le due ore, riprendete l’impasto e dividetelo in 30 pezzettini che stenderete su un ripiano fino a ottenere dei dischetti che farcirete con formaggio e verdure. Una volta riempiti, richiudete i dischetti formando delle palline e predisponetele con la chiusura verso il fondo in una tortiera foderata da carta forno. Partite dai lati della tortiera fino ad arrivare al centro. Una volta conclusa l’operazione, spennellate sul Danubio un uovo sbattuto (se volete aggiungeteci anche una goccia di latte..) in modo che venga lucido una volta cotto.

Prima di passarlo in forno, è necessaria un’ultima piccola operazione, far lievitare una seconda volta il Danubio, per un’ora, coperto sempre dallo strofinaccio, in forno spento.

Una volta trascorso anche questo tempo, riponete in forno preriscaldato a 180 gradi per 35 minuti. Una volta cotto, aspettate che si raffreddi un po’ prima di toglierlo dalla tortiera e disporlo su un vassoio.

Facile, no?

Danubio_Pappaececi

0 comments on “Una merenda alternativa? Ci pensa il Danubio!Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *